martedì 7 febbraio 2012

Bridedzilla

Ecco una foto della persona che non voglio diventare:

BRIDEDZILLA.

Gli americani usano questa espressione per indicare la donna che, non appena fissate le nozze, impazzisce e fa impazzire tutti quelli che hanno a che fare con lei. Suo unico scopo nella vita è procurarsi il matrimonio più sfarzoso ed originale possibile, e per raggiungere questo obiettivo è disposta a tutto. TUTTO.

Perché vi dico ciò? Perché, presumibilmente, dovrei sposarmi entro l'anno. Almeno, questo è il progetto: con molta serenità, se il lieto evento non dovesse verificarsi entro il 2012, passeremo alla prima data utile dell'anno successivo.

Io, l'avrete intuito, vivo la cosa con abbastanza nonchalance, ma il fatto sembra dispiacere a molti operatori del settore e a qualche amica/parente/conoscente.

Il matrimonio, come la maternità, è uno di quegli argomenti che scatena il sapientino che è in ognuno di noi. Care donne nubili, sappiate che il giorno in cui deciderete di sposarvi o fare un figlio, tutti vi sommergeranno di consigli non richiesti, perché è meglio che ne prendiate consapevolezza quanto prima: tutti sanno sposarsi o essere madri meglio di quanto non sappiate fare voi.

Sia io che il mio futuro marito abbiamo le idee piuttosto chiare, in merito a quello che vogliamo organizzare per il fatidico giorno. Nonostante ciò, molte delle persone che ci circondano ritengono che sbagliamo a desiderare quello che desideriamo e che faremmo meglio a desiderare quello che a suo tempo hanno desiderato loro. Per carità, ognuno ha diritto alle proprie pessime opinioni: il male, però, è che loro ci tengono moltissimo a farcele conoscere.

Un campionario delle conversazioni tipo.

Sai, siamo andati a farci fare un paio di preventivi da un catering.
"Guarda, io lo dico per te, poi tu fai come ti pare: state assolutamente lontani dai catering, fate invece come me che ho scelto il ristorante tal dei tali (e non andate da quello affianco che fa schifo, fidatevi)". 

Forse abbiamo visto un posto proprio carino. 
"(Faccia schifata dell'interlocutore) Quando mi sono sposato io ce lo sconsigliarono tutti e personalmente credo sia una location per cafoni arricchiti".

Per il viaggio di nozze stiamo pensando ad un tour della ________ (inserire località low cost a piacere).
"Ah, io quando mi sono sposata non ho badato a spese e sono andata in Stati Uniti, Polinesia e ho fatto una puntatina a Parigi. Sai, è pur sempre il viaggio che fai una sola volta nella vita".

Abbiamo trovato un fotografo che ci piace molto.
"Chi? Quello? Ma per carità, ti presento mio marito che fa foto bellissime e si prende la metà!".

Speriamo di sposarci a settembre.
"Cheeeee???? Così presto??? Ma che siete matti????? Ma guarda che vi dovete muovereeeeeeee!!!!!!!"

(N.d.a. Quest'ultima, in assoluto, è la frase che detesto di più)

Personalmente, non capisco cosa spinga queste persone a ritenere che le scelte mie e del mio futuro marito possano essere considerate materia di contrattazione. Qualcosa nella sola istituzione del matrimonio spinge le persone a dare il peggio di sé. Ci hanno proposto di giungere al locale in elicottero, di passare sotto archi di rose protese da camerieri, di fare tutta una serie di baracconate che sono anni luce lontane da quello che io e Francesco siamo, due semplici fidanzati che si amano e vogliono dirselo davanti a Dio, in una Chiesa in cui, se è possibile, non vorrei soprani urlanti e Ave Marie suonate da principianti di violino. Tutto il resto è un contorno di cui faremmo volentieri a meno.

Organizzare un matrimonio semplice e decoroso, ai giorni nostri, è quasi un'impresa eccezionale, ma noi ci stiamo provando. L'unico aiuto che chiediamo alle persone che dicono di volerci bene è di rimanere al proprio posto.

Poi c'è chi proprio non ci riesce. E allora:

  • a tutti i conoscenti che ritengono di avere un gusto migliore di quello che abbiamo io e il mio fidanzato;
  • agli amici che ci trattano come bambini perché vogliamo fare le cose a modo nostro;
  • ai parenti che alla notizia delle nozze hanno già cominciato a dire "E mi raccomando, fate un figlio subito";
  • a tutti gli impiccioni, ai presuntuosi, agli intriganti, agli invadenti, agli inopportuni, ai poracci e ai gran signori.

A tutte queste persone dedico con tutto il mio cuore questa canzone:


24 commenti:

  1. Cara, premesso che trovo tu abbia molte ragioni, se non tutte, hai valutato che la tua intolleranza ai consigli è una versione diversa di trasformazione ma sempre Bridezillosa?
    In fondo tutti danno consigli su tutto, quasi sempre mai richiesti. Come negli altri casi, sorridi e fai/fate così come pare e piace a te/voi!:-)
    Personalmente, mi impegno solennemente a tacere ed evitare ogni minimo consiglio, tranne questo: goditelo, chè il matrimonio è TUO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaaa naaaa, cara Hermosa, non sono io ad essere Bridedzillosa, sono loro ad essere impiccioni, oh!

      Elimina
    2. Ok. Se hai bisogno di aiuto per spernacchiare qualcuno, sono a disposione;)

      Elimina
  2. Siiiiiiiiiiii!!!!!!!!!! Dopo le uscite di shopping orgiastico, le sedute di spernacchiamento sarebbero un'ottima forma di decompressione!!!

    RispondiElimina
  3. Profu perchè non ti fai scarrozzare con una bella diligenza ottocentesca? E mi raccomando, la chiesa deve essere piena di fiori con i segnaposto nelle panche! Ah, una cosa importantissima, il vestito!!! Sexy ma non troppo, voluminoso come un bignè alla crema ma non troppo appariscente, sbrilluccicoso ma con gusto!


    ... Ok basta che poi mi odi xD

    RispondiElimina
  4. cara Profu, organizzare il matrimonio come volete voi è non solo possibile ma anche divertente e piacevole. Io l'ho fatto, non è stato stressante nè traumatico, e solo mia madre ebbe a ridire della data (fine ottobre), in compenso poi non si pronunciò più su nulla. Poi sono stata fortunata perchè parenti vicini non ne ho e gli amici più o meno sul mio stesso stile avevano organizzato matrimoni simili al mio. Infine, ho avuto la fortuna di un plus valore senza prezzo: una banda di amici che misero in scena prima durante e dopo il matrimonio una serie di lazzi bellissimi tra cui un adattamento di 7 spose per 7 fratelli rivisitato sulla storia tra me e mio marito...magari ne parliamo sabato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo che è stata proprio una cosa genuina e divertente! Grazie ancora di averla condivisa anche con me!

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Oddio miooooooo! Ho sbagliato! Perdonami! Sarà l'ora tarda, ma sto dando i numeri---> ho lasciato un commento sul blog sbagliato!!! Rinco io!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahaha questa è fantastica, cara Anemone!!!!

      Elimina
  7. Tanto per quanto si faccia non si riesce mai ad accontentare tutti, quindi perché preoccuparsi? Segui la tua strada: magari non sarà la più scorrevole o la più breve, ma di sicuro ti porta dove vuoi andare!!!

    RispondiElimina
  8. Ancora il meglio deve venire,lo hai già scritto:sbrigatevi a fare un bambino!!!Ogni persona che incontrerai te lo chiederà!!! Quando accadrà poi, ti dovrai sorbire i vari parti travagliati e consigli vari, dettati dall'esperienza che tu non puoi avere!!! Coraggio!!! Noi siamo tutte con te!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando accadrà, di sicuro mi diranno "Sbrigatevi a farne un altro!"

      Elimina
  9. Cara.. lasciatelo dire.. io a dicembre farò 10 anni (con rito civile) e vorrei tanto fare le promesse in Chiesa, solo io, mio marito e le bimbe. Non ho fatto in tempo a dirlo che subito mi sono sentita rivolgere rimproveri, musi, malumori perchè "ma come? non vuoi nemmeno noi a vederci?" "ma noi possiamo venire lo stesso?" "Ma neanche ti vestirai"? e noi che credevamo che ci dicessero solo che erano contenti che avessimo resistito così a lungo!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resistete e fate quello che volete: un po' di rispetto per i vostri desideri, che diamine!!
      P.S. Auguri ;-)

      Elimina
  10. Prima di tutto, congratulazioni!!!! :)
    Il mio consiglio è solo uno: il matrimonio è il tuo, quindi le scelte, dalla bomboniera alla location ai violinisti principianti in chiesa sono tue/vostre. E se la gente vuole parlare, lasciala fare poi fatti i tuoi!
    Comunque secondo me, se raccogli tutti i consigli, opinioni, pareri alla fine ci puoi scrivere un libro super divertente! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci stavo pensando, cara Spendi e Spandi...

      Elimina
  11. Ah ah ah... in effetti è da super rincoooo!!! Ah ah ah, era la prima volta che mi capitava!!! Però..ora che ci penso.. potrei farne una moda: dai, su, tutti come me!!! =___=

    Un bacione e a presto!
    :-D

    RispondiElimina
  12. Se interessa, ho il contatto di una gondola su ruote che potrebbe portarti con semplicità davanti alla Chiesa/Comune. Con un piccolo sovrapprezzo accende le luci ad intermittenza. :P
    Congratulazioni cara, ho letto solo ora :-)

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.